TRANVàI 2.0 - DICEMBRE 2021

Novità tranviarie dal mondo al 12/2021
di Roberto Cambursano

Si riportano le principali variazioni riguardanti il “Sistema tram” nel mondo, intervenute nel periodo dicembre 2020-novembre 2021. Sono evidenziate in giallo le “nuove città tranviarie”. Le notizie provengono principalmente dalle seguenti fonti: Tramway and urban transit (LRTA); Metro Report International; Railway Gazette International; Urbanrail.net.

Aggiornamento al 1° dicembre 2021

ALGERIA
COSTANTINA: il 29 settembre 2021 la linea tranviaria esistente (inaugurata nel 2013) è stata prolungata di 3,5 km verso sud da Chahid Kadri Brahim a Université Abdelhamid-Mehri. La linea ha ora una lunghezza complessiva di 18,2 km e il parco rotabile è formato da 47 tram Alstom Citadis 402 a pianale interamente ribassato, la seconda serie dei quali è stata fabbricati in Algeria dalla Cital (azienda partecipata al 49% da Alstom e al 51% da imprese algerine)

AUSTRIA
GRAZ: il 26 novembre 2021 sono stati inaugurati due nuovi tratti di rete tranviaria nella zona ovest della città: da Alte Poststraße a Reininghaus (Linea 4: +1.8 km) e da Daungasse/Hbf a Smart City (Linea 6: +1.5 km). La rete tranviaria del capoluogo della Stiria ha ora un’estensione complessiva di 36,8 km con 6 linee.

CINA
CANTON: il 28 dicembre 2020 la linea tranviaria di Huangpu è stata prolungata di 7,3 km da Changping Subway Station a Xiangxue Subway Station; su questa linea sono impiegati tram a pianale totalmente ribassato dotati di supercapacitori; tutta la linea è sprovvista di alimentazione aerea. Attualmente Canton dispone di due linee tranviarie, con uno sviluppo totale di rete di 22 km. Esse servono da adduzione alla vasta rete di metropolitana.
FOSHAN: il 18 agosto 2021 è stata inaugurata la seconda linea tranviaria della città (Nanhai line), a standard di LRT, da Sanshanxinchengbei a Leigang (dove c’è l’interscambio con la linea metropolitana interurbana per Canton). La lunghezza è di 9,5 km. Sono in servizio 16 tram CRRC a pianale interamente ribassato. Attualmente lo sviluppo totale della rete tranviaria di Foshan è di 16 km. Sulla prima linea (Gaoming line) sono in servizio 8 tram allestiti dall’aziende cinese CRRC su modello Skoda 15T, che montano batterie integrate con fuell-cells a idrogeno.
JIAXING: il 25 giugno 2021 è stata inaugurata la prima linea di questa città situata a metà strada tra Shanghai e Hangzou. Il primo tratto, dalla stazione ferroviaria Sud a Fanggong Road, è lungo 10,6 km. Sono in servizio 20 tram a pianale interamente ribassato prodotti da CRRC che montano supercapacitori. La linea aerea è completamente assente.
SHENYANG: il 3 febbraio 2021 la linea 5 è stata prolungata di 5.2 km da Xuantujun Heritage Park a Lishizhai. La rete tranviaria, che copre la zona sud della città al di là del fiume Hunhe, si estende ora su 60 km ed è composta da sei linee con una flotta complessiva di 35 tram. I veicoli, fabbricati in Cina da un consorzio che comprende la locale Changchun Railway Vehicles Company e la casa tedesca Voith, sono a pianale interamente ribassato e sono dotati di supercapacitori per il superamento di alcune tratte non dotate di linea aerea.
WENSHAN: il 15 maggio 2021 è stata inaugurata la linea 4, prima linea tranviaria della città. Ha una configurazione di percorso ad Y, con uno sviluppo totale di 14 km, e collega la stazione ferroviaria di Puzhehei con il Tourist Center e con Jaolian Plaza nel sobborgo di Qiubei. Vi fanno servizio 15 tram a pianale interamente ribassato prodotti da CRRC che montano supercapacitori. La linea aerea è completamente assente.

FINLANDIA
HELSINKI: il 6 aprile 2021 la linea 6 è stata prolungata di 1 km su un tratto di nuova costruzione da Hietalahdentori a Eiranranta; il 3 maggio 2021 la linea 9 è stata prolungata di 0,9 km su un ulteriore tratto di nuova costruzione da Saukonkatu a Länsiterminaali T2. La rete tranviaria della capitale finlandese ha raggiunto uno sviluppo complessivo di 48 km (a scartamento metrico) su 10 linee.
TAMPERE: il 9 agosto 2021 è stata aperta la nuova rete tranviaria che si estende su 14,2 km e comprende due linee (1: Sorin aukio - Kaupin kampus e 3: Hervantajärvi - Pyynikintori). Sono in servizio 19 tram Skoda Forcity Smart Artic bidirezionali articolati lunghi 37,3 metri a pianale interamente ribassato.

FRANCIA
LIONE: il 1 febbraio 2021 è stata attivata la linea T7, da Vaulx-en-Velin/La Soie) a Décines/OL Vallée), che percorre integralmente binari già esistenti. Il 24 marzo 2021 la linea T2 è stata prolungata da Gare Perrache a Hôtel de Région/Montrochet, a rafforzamento della linea T1 sugli stessi binari già esistenti. La rete tranviaria di Lione si sviluppa ora complessivamente su 73 km e conta 8 linee, di cui una interurbana che collega l’aeroporto Saint Exupéry (Rhonexpress). Il parco rotabile è composto da 103 motrici a pianale interamente ribassato tipo Alstom Citadis 302/402 e 6 tram Stadler Tango a pianale parzialmente ribassato per il Rhonexpress. Vi sono inoltre 2 linee di tram-treno (“tram-train de l’ouest”) gestite da SNCF che utilizzano linee ferroviarie dismesse completamente separate dalla rete tranviaria urbana, per complessivi altri 40 km.
PARIGI: il 10 aprile 2021 è stata inaugurata la linea T9, lunga 10,3 km, da Porte de Choisy a Orly Gaston Viens. Sono entrati in servizio 22 tram Alstom Citadis 405 lunghi 45 metri. La rete tranviaria della capitale francese ha caratteristiche atipiche: è estesa su un totale di 138 km ed è composta da dieci linee gestite in modo indipendente (e non compatibili tra loro in quanto dotate di sistemi differenti). Tra di esse vi sono una linea urbana tangenziale, cinque linee periferiche, due linee di tram su gomma e due linee di tram-treno.

GERMANIA
BERLINO: Il 31 ottobre 2021 è stato inaugurato un nuovo tratto di 2,7 km alla periferia sud-est tra Schöneweide e Karl-Ziegler-Straße, che collega due tratti di rete già esistenti: sui nuovi binari sono state instradate le linee M17 e 61, entrambe prolungate. La rete tranviaria di Berlino è attualmente la terza al mondo per estensione, con 178 km e 22 linee (oltre a 2 linee suburbane per altri 20 km di rete), quasi integralmente comprese nella parte est della città (ex DDR).
DRESDA: il 10 dicembre 2020 ha cessato definitivamente di circolare il “Cargotram”. Il servizio, attivo dal 2001, trasportava componenti automobilistici fra due stabilimenti della Volkswagen lungo un tratto di 5,5 km della rete tranviaria cittadina, operando in convogli lunghi fino a 59,4 m formati da motrici (5 di dotazione) e rimorchi (7 di dotazione) ricavati dalla ristrutturazione di vecchi tram Tatra.
FRIBURGO: il 13 dicembre 2020 la linea 4 è stata prolungata su un nuovo tratto di 1 km da Technische Fakultät a Messe. La rete tranviaria di Friburgo conta 5 linee per complessivi 36 km.
MAGDEBURGO: il 16 dicembre 2020, è stato inaugurato un nuovo tratto di 1,1 km tra Raiffeisenstraße e Warschauer Straße, di collegamento fra due tratti di rete esistenti. Il 29 novembre 2021 è stata prolungata la linea 1 su un nuovo tratto di 1 km fra Milchweg e Kannenstieg. La rete tranviaria di Magdeburgo si estende su 60 km e conta 9 linee.

LUSSEMBURGO
LUSSEMBURGO
: Il 13 dicembre 2020 l'unica linea tranviaria esistente è stata prolungata da Place de l’Etoile a Gare Centrale su un nuovo tratto di 2 km completamente sprovvisto di catenaria. Il parco rotabile è composto da 32 tram CAF Urbos 100 articolati da 45,4 metri a pianale interamente ribassato, equipaggiati con il sistema ACR a supercapacitori.

MAURITIUS
PORT LOUIS: il 20 giugno 2021 la linea tranviaria interurbana "Metro Express" è stata prolungata di 2,6 km da Rose Hill a Quatre bornes. La linea è ora lunga 15 km. Il materiale rotabile è costituito da 18 tram Urbos LRV bidirezionali a pianale parzialmente ribassato costruiti da CAF.

NUOVA ZELANDA
AUCKLAND: il 7 febbraio 2021 è stato ripristinato il servizio della linea storica (“Wynard Quarter heritage tramway”), che era stato sospeeso a causa di grandi lavori di riqualificazione della viabilità nella zona del porto. La linea, inaugurata nel 2011, impiega 2 tram su un anello di 1,5 km.

POLONIA
BYDGOSZCZ: il 6 dicembre 2020 è stato inaugurato un nuovo tratto di 0,7 km tra Rondo Kujawskie e Zbozowy Rynek, di collegamento fra due tratti di reti esistenti. La rete tranviaria ha raggiunto un’estensione totale di 41 km con 11 linee.
BRESLAVIA: il 26 giugno 2021 è stato inaugurato un nuovo tratto di collegamento tranviario di 1,5 km fra Plac Orlat Lwowskich e Srubowa. La rete tranviaria di Breslavia (Wroclaw) è composta da 22 linee e ha un’estensione totale di 92 km.
POZNAN: il 21 agosto 2021 la linea 3 è stata prolungata su un nuovo tratto di 1 km da Wilczak a Ul. Wlodarska. La rete tranviaria di Poznan è composta da 18 linee e ha un’estensione totale di 71 km.
VARSAVIA: il 4 settembre 2021 le linee 2 e 17 sono state prolungate di 1,2 km su un nuovo tratto da Nowodwory a Winnica alla periferia nord. La rete tranviaria  della capitale polacca è composta da 25 linee (più una linea storica) e ha uno sviluppo complessivo di 127 km.

QATAR
DOHA: il 17 novembre 2021 è stato inaugurato il secondo tratto di 2,6 km (linea gialla) della sottorete tranviaria “Education City”. Destinata a raggiungere un’estensione totale di 11,5 km, è situata nella zona universitaria alla periferia ovest della città ed ha funzioni di adduzione alla “Green Line” di metropolitana. Sono in servizio 19 tram Siemens Avenio a pianale interamente ribassato lunghi 27,7 metri ed equipaggiati con il sistema “Sitras” a supercapacitori. Tutta la rete è completamente sprovvista di catenaria.

RUSSIA
PERM: il 12 gennaio 2021 è stato inaugurato un nuovo tratto di 1 km fra Dinamo e Dvorets Sporta Orlyonok, che collega due tratti di linea già esistenti. Su di esso sono state instradate le linee 6 e 11.
SAN PIETROBURGO: il 6 ottobre 2021 la linea 7 è stata prolungata di 1,4 km da Granitnaya a Metro Ladozhskaya. La rete municipale si sviluppa ora su 208 km con 37 linee e 730 veicoli in servizio ed è la più estesa della Russia.  Dal 2018 è inoltre in funzione una sottorete tranviaria privata ("fast tram") nella zona est, che comprende quattro linee per complessivi altri 14 km di rete e con una flotta di 23 unità di tipo Staldler Metelitsa. 

STATI UNITI D’AMERICA
CHARLOTTE (North Carolina): il 30 agosto 2021 è stata attivata la seconda linea di LRT (Lynx Gold Line) da French Street a Sunnyside Avenue, su una lunghezza di 6,4 km. Vi fanno servizio 6 nuove unità Siemens S700 a pianale parzialmente ribassato. La tratta compresa fra Transportation Center e Hawthorn/5th era già stata aperta nel 2015 e provvisoriamente esercitata fino al 2019 con tram storici. L'altra linea è la "Lynx Blue line", lunga 30 km, che incrocia la Gold Line a Transportation Center/Arena.
GALVESTON (Texas): il 1° ottobre 2021 è stato riattivato il servizio sulla linea storico-turistica "Galveston island trolley", che era stato inaugurato nel 1988 ed interrotto nel 2008 dall'uragano "Ike". La linea, non elettrificata, è lunga 11 km e vi sono impiegati 4 tram storici sui quali sono montati motori diesel che fungono da generatori di corrente per i motori elettrici.
SAN DIEGO (California): il 21 novembre 2021 la “Blue Line” è stata prolungata su un nuovo tratto di 17.5 km verso nord lungo il litorale a fianco dell’autostrada I-5 da Old Town a UTC (zona universitaria). Il sistema di LRT della città californiana, denominato “San Diego Trolley” ha raggiunto uno sviluppo complessivo di 100,5 km con 3 linee (blue, orange e green) e una flotta di 146 veicoli, più una linea storica circolare centrale (silver line).
SEATTLE (Washington): Il 2 ottobre 2021 la linea “Link” di LRT, ridenominata linea 1, è stata prolungata di 6,9 km su un tratto quasi interamente sotterraneo da University of Washington a Northgate. La linea 1 è ora lunga 39 km e vi è impiegata una flotta di 62 veicoli. Seattle dispone anche di due linee tranviarie centrali sviluppate in totale su altri 6 km di rete.

SVEZIA
LUND:un nuovo nome si è aggiunto all’elenco delle città tranviarie svedesi, con l’inaugurazione avvenuta il 13 dicembre 2020 della linea 1 (anche denominata "LundaExpressen"), che collega la stazione ferroviaria di Lund con il complesso ESS. Il percorso è lungo 5,5 km e vi fanno servizio 7 tram CAF Urbos 100 bidirezionali articolati lunghi 32 metri a pianale interamente ribassato.
STOCCOLMA: il maggio 2021 è stato inaugurato un nuovo tratto di 1,1 km da Norra Ulvsunda all’aeroporto di Bromma. La ex linea 22 (tangenziale) è stata rinominata 30, mentre è stata istituita la nuova linea 31 da Alviks Strand a Bromma. La rete tranviaria della capitale svedese conta oggi 5 linee completamente separate tra loro, di cui 4 periferiche a standard di LRT completamente in sede propria e una centrale di tipo più tradizionale con transito stradale promiscuo. Vi è anche la linea storica 7N, gestita regolarmente dall’Associazione SSS su una parte del tracciato della linea 7 con veicoli d’epoca restaurati. L’estensione complessiva della rete è di 40 km.

SVIZZERA
LUGANO: a partire da settembre 2021 sono entrati in servizio sulla ferrovia locale a scartamento metrico Lugano-Ponte Tresa i nuovi tram fabbricati da Stadler, destinati a sostituire integralmente il vecchio materiale ferroviario. La nuova flotta è composta da 9 "Tramlink" a pianale interamente ribassato. La linea, inaugurata nel 1912, è attualmente lunga 12 km. Nei prossimi anni sono previsti grandi lavori di ampliamento, con un nuovo tunnel che diminuirà la tortuosità del percorso e un prolungamento verso il centro di Lugano. Riclassificata come una tranvia interurbana, correrà interamente in sede propria. Si può anche definirla come un "tram-treno improprio" (in quanto percorre binari ferroviari completamente separati dal resto della rete ferroviaria).

KAOHSIUNG: Il 12 gennaio 2021 la linea di LRT (futura circolare) è stata prolungata alle due estremità da per un totale di 4,1 km, che portano provvisoriamente la lunghezza complessiva a 12,8 km. Sono entrati in servizio 15 tram Alstom Citadis 305 dotati di supercapacitori, che si aggiungono ai 9 CAF Urbos già in servizio (dotati di sistema ACR). L’intera linea è completamente sprovvista di catenaria: la ricarica si effettua alle fermate tramite contatto dall’alto con apposite sezioni di alimentazione.

TURCHIA
ANTALYA: il 25 ottobre 2021 la linea T3 è stata prolungata di 6,5 km da Atatürk a Müze, saldandosi così alla rete delle altre due linee esistenti. La rete tranviaria locale dispone ora nel suo complesso di tre linee, di cui due (T1 e T3) a standard di LRT e una (T2) gestita provvisoriamente con materiale storico ex-tedesco, destinata ad essere ammodernata e assorbita dal futuro prolungamento della linea T3. In totale sono in esercizio 47,5 km di rete moderna, con una flotta composta da 14 tram forniti dalla casa spagnola CAF e da 18 tram Eurotem (costruiti in collaborazione fra la casa coreana Hyundai Rotem e quella turca Tüvasaş), oltre a 4,7 km di binario unico di linea storica nel centro cittadino su cui corrono due tram ex-Norimberga.
ISTANBUL: Il 4 gennaio 2021 è stata inaugurata la linea T5 su un primo tratto di 8,8 km fra Alibeyköy e Cibali lungo la costa meridionale del Corno d’Oro. Sono stati immessi in servizio 30 tram Durmazlar LRV costruiti in Turchia che montano un equipaggiamento elettrico Alstom; l’alimentazione avviene esclusivamente da terra col sistema APS. La rete tranviaria di Istanbul conta 3 linee moderne per complessivi 43 km (T1, T4 e T5) e 2 storiche (T2 e T3) che si sviluppano su altri 4 km. Il parco circolante conta 200 unità (+7 vetture storiche).
ESKISEHIR: il 12 marzo 2021 la linea 12 è stata prolungata da Ökyü a 75 Yil su un nuovo tratto di 4,6 km, mentre il 14 giugno 2021 la linea 10 è stata prolungata da Opera a Kumlubel su un ulteriore nuovo tratto di 2,4 km. La rete tranviaria a scartamento metrico della città è la più estesa della Turchia e ha raggiunto l’estensione complessiva di 54,5 km, con 8 linee gestite.

UNGHERIA
SZEGED (Seghedino): il 29 novembre 2021 è stata inaugurato un collegamento di tram-treno con la vicina cittadina di Hódmezövásárhely (prolungamento linea 1). Il servizio è effettuato con 12 veicoli bimodali elettrici/diesel Stadler Citylink: la prima parte della linea utilizza la rete tranviaria urbana a doppio binario già esistente nella città di Szeged, segue poi un tratto ferroviario non elettrificato a binario unico delle ferrovie statali tra Szeged-Rókus e Hódmezövásárhely-Népkert per 22km e infine percorre un nuovo tratto tranviario urbano di 3,6 km a binario unico nel centro di Hódmezövásárhely.

 

TORINO TROLLEY FESTIVAL: PARATA DI MEZZI PER I 150 ANNI DI TRAM, E SIAMO ALLA 15° EDIZIONE...
di Alessio Pedretti

Nella giornata di Domenica 5 Dicembre 2021, si è potuta svolgere una nuova edizione del Torino Trolley Festival, giunto alla sua 15° edizione, la prima nella nuova era Covid-19, un segno di rinascita. Per l'occasione in quest'anno ricorrono anche i 150 anni di tram a Torino, degnamente ricordati con una parata di vetture tranviarie che non si vedeva da diverso tempo nel nostro paese. Pur nel rispetto delle regole l'avvenimento è stato decisamente sentito da parte dei torinesi che hanno partecipato alla sfilata, ai viaggi in vettura prenotabili ed hanno preso d'assalto il gazebo di ATTS ovvero la nota Associazione Torinese Tram Storici che da oltre un decennio ci allieta con notizie, eventi, lavori di restauro e recuperi tangibili e sotto gli occhi di tutti, a differenza di altre città ove ad esempio le aziende ignorano il proprio passato non riuscendo più a gestire il presente e mettendo in pericolo il proprio futuro vivendo d'immagine.
L'evento ha visto la parata di numerose vetture tranviaria che si sono sostanzialmente distinte percorrendo il tratto tra la Gran Madre, Piazza Vittorio Veneto, Via Po, Piazza Castello, i Giardini Reali e Rondò Rivella, parata alla quale hanno partecipato non solo gli "storici" torinesi ma anche gli esemplari ospiti di Roma e Trieste ed anche vetture utilizzate in regolare servizio passeggeri, come la 2828 per la omonima serie e la capostipite unidirezionale matricola 6000 per la famiglia dei Cityway, presente di sfuggita la 2823 "Gustotram" la quale tuttavia non ha partecipato alla sfilata principale in quanto già impegnata in altro servizio.

Queste di seguito le vetture impegnate nella parata e rilevate in piazza Castello intorno alle ore 12.00/12.30:

- elettromotrice 116, serie 101/150, costruzione Diatto-Siemens del 1911, trasformata in motrice di servizio da anni '50 al 1976, indi preservata.
- elettromotrice 502, serie 501/506, costruzione  Ansaldo-Siemens del 1924, trasformata in motrice di servizio T433 sino al 2000 c.ca, recuperata prima staticamente e poi integralmente
- elettromotrice 2598, serie 2500/2599, costruzione  FIAT-TIBB-CGE del 1933, restaurata e ritornata a Torino nel 2009, con mezza porta posteriore
- elettromotrice 2759, serie 2700/2771, costruzione  Officine SNOS Savigliano del 1959, realizzata mediante unione casse motrici ex serie 600 e 700, preservata e funzionante dal 2012 cca.
- elettromotrice 2828, serie 2800/2902, costruzione  Moncenisio-TIBB-Retam del 1933/37 come motrici serie 2100-2200, ricostruita nel 1979/81 da Seac Viberti, utilizzata tuttora in regolare servizio
- elettromotrice 2841, serie 2800/2902, costruzione  Moncenisio-TIBB-Retam del 1933/37 come motrici serie 2100-2200, ricostruita nel 1980 da Seac Viberti, trasformata in "Ristocolor" nel 2001.
- elettromotrice 2847, serie 2800/2902, costruzione  Off. Moncenisio-Tibb-Retam del 1933/37 come motrici serie 2100-2200, ricostruita nel 2009 con cassa "originale".
- elettromotrice 3104, serie 3100/3279, sottoserie 3100/3164, costruzione  FIAT-TIBB-CGE del 1949, ricostruita da Seac Viberti nel 1976/77 e "dericostruita" nel 2009.
- elettromotrice 3179, serie 3100/3279, sottoserie 3165/3224, costruzione  FIAT Materfer-CGE del 1958, ricostruita da Seac Viberti nel 1976/77, modificata nel 2007 come Tram Teatro.
- elettromotrice 3501, esemplare unico, costruzione Officine ATM-CGE del 1946, con parti meccaniche della 3001 del 1942, soprannominata "la sposa".
- elettromotrice 6000, serie 6000/6005, sottoserie "Cityway monodirezionali", costruzione  Alstom del 2001, primo esemplare della serie, velettato per l'occasione "Trolley Festival".
- elettromotrice T427, costruzione Diatto-TIBB-CGE del 1911, trasformata ATM anni '50, dotata di nuova cassa nel 1989, vettura in origine ex serie 446/500, già 174/230 della "Belga".
- elettromotrice MRS 312 ex STEFER Roma, costruzione Carminati & Toselli del 1935, serie 301/312, completamente ristrutturata onde esser preservata dinamica
- elettromotrice 447 ex ACEGAT Trieste, costruzione OMS Stanga del 1938, poi STEFER Roma dal 1963, recuperata nel 2015 a Torino

Un grazie particolare ad ATTS ed a tutti i soci operativi che hanno reso possibile questo avvenimento e che si impegnano ogni giorno per gestire eventi del genere e preservare la storia della propria città, un particolare grazie va anche all'azienda GTT Torino che rende possibile tutto questo, generando interesse nei cittadini e nella storia della propria città e dell'azienda stessa; un particolare spesso dimenticato da aziende di altre città particolarmente miopi e che non sanno far tesoro del valore della propria storia.

Nelle FOTO, tutte del 5 Dicembre 2021, è possibile osservare le vetture impegnate nella parata mentre sfilano in Piazza Castello davanti al Teatro Regio, oltre che in un paio di scorci ai Giardini Reali.